Nasco professionalmente come
GRAFICA e PROGETTISTA di COMUNICAZIONE free-lance, ed ho operato per 17 anni con autonomia e competenza nell'individuazione di proposte e soluzioni di comunicazione grafica e grafica pubblicitaria, attuate rispetto a prodotti e servizi ben definiti, per l'esecuzione dei quali sono in grado di utilizzare specifici linguaggi, tecniche e modelli organizzativi mirati.

Ritengo che la grafica significhi saper progettare e creare una comunicazione incisiva e significativa, che "lasci il segno" nel Cliente diretto e soprattutto nel Cliente finale; insomma: una vera creatività a 360 gradi.

E questa creatività, che ho coltivato e affinato in molti anni di attività in questo settore, negli ultimi anni ho deciso di applicarla all’
ARTE DEL TATUAGGIO. Dopo studi, corsi e molta pratica, oggi propongo ai miei Clienti soluzioni uniche e personalizzate per i loro tattoo, sempre eseguiti con le più innovative tecnologie e materiali di prima qualità. Sono in possesso di Attestato di Competenza Igienico/sanitario di Operatore Tatuaggio e Piercing della Regione Lombardia conseguito ai sensi della Legge regionale n. 19/07. Opero solo in strutture abilitate che dispongono delle necessarie autorizzasioni Asl. Tutti i materiali utilizzati sono monouso, sterili e certificati CE, secondo le più attuali normative di sicurezza in materia. E così, da un po’ di tempo è iniziato il mio nuovo cammino con il mio REDPEPPER TATTOO a Trezzo sull'Adda (MI): solo tatuaggi pensati per Voi. Il mio percorso mi sta portando a specializzarmi in tatuaggi realistici, watercolor (acquarello) e grafici.
Visitate anche la pagina Facebook dedicata > CLICCA QUI

A fianco della mia professione, prima di grafica e ora di tatuatrice, principale motore pulsante, è da sempre la PRODUZIONE PITTORICA, maturata durante gli studi presso l'Istituto d'Arte e successivamente negli anni dell'Accademia di Belle Arti di Brera. Ho al mio attivo mostre personali e collettive che mi permettono di divulgare la mia personale interpretazione di quello che, accademicamente, era definito “natura morta”, ma che, trasposto nella mia particolare maniera pittorica, diviene natura viva.